La terra in cui viviamo non ce l'hanno regalata i nostri padri, ma ce l'hanno prestata i nostri figli.

(fonte web)

Apri un libretto di risparmio energetico!

La miglior forma d’investimento per il tuo futuro!.

Risanare energeticamente il patrimonio edilizio esistente è la nuova sfida edilizia del futuro. Basti pensare che ben l’85% dei fabbricati (25.107.535) [fonte Istat] è stato realizzato negli anni ’80, ben prima dell’entrata in vigore della legge 10 del 1991 che, seppur priva di sanzioni, obbligava a progettare valutando i consumi e documentando le scelte ante-operam.
Intraprendere interventi di riqualificazione volti al risparmio energetico significa:

  • Consumare meno energia e, quindi, ridurre da subito le spese per le bollette energetiche
  • Migliorare le condizioni di vita all’interno dell’appartamento aumentandone il comfort
  • Investire in modo intelligente i nostri soldi, soprattutto alla luce degli attuali tassi di interesse
  • Proteggere l’ambiente in cui viviamo contribuendo a ridurre l’inquinamento del paese e creando le basi per un futuro davvero sostenibile

La “prima cosa da fare” è richiedere a Tecnici esperti una diagnosi energetica della propria abitazione che ci dica non solo QUANTO consumiamo, ma IN CHE MODO stiamo buttando l’energia. Un attento sopralluogo che focalizzi i punti critici dell’edificio è la base per una corretta consulenza che deve prevedere successivamente il calcolo del fabbisogno termico per riscaldamento da confrontare con i consumi reali per capire la giusta direzione da prendere e poter redigere un elenco di interventi, secondo priorità, da realizzare una volta fissati gli obiettivi del risanamento energetico. Il tutto DEVE essere accompagnato da un progetto esecutivo di dettaglio, ma soprattutto, una volta portato a termine, si devono prevedere delle misure di controllo della qualità per garantire un effettivo risparmio.

Bisogna agire ed in fretta, lo stato attuale della tecnologia per il risanamento energetico degli edifici permette un risparmio fino al 90% [fonte Agenzia CasaClima], anche grazie alle ultime politiche volte all’incentivazione, che rendono agevole intraprendere la strada del risanamento energetico.  Ovviamente si sta parlando dell’ormai famosa detrazione del 55% prolungata, proprio in questi giorni, fino alla fine del 2011 che permette uno sgravio fiscale in 10 anni.

Una sfida commerciale, ma prima ancora una rivoluzione culturale che deve partire da un corretto know-how di consulenza che stabilisca i diversi livelli d’intervento

Un esempio?

Edificio monofamiliare su due piani riscaldati.

Superficie netta riscaldata
Superficie disperdente
Fabbisogno per riscaldamento

137,24 m2
380,00 m2
45.214,62 KWh/a
(pari a 329,45 Kwh/m2a)

Intervento di risanamento:

Pareti esterne:
Solaio verso tetto:
Pavimentazione verso terreno

12 cm. Isolamento termico in EPS
20 cm. Fibra di cellulosa
10 cm. Pannelli isolanti in XPS

Con questi interventi si è ridotto il fabbisogno per il riscaldamento da 45.214,62 Kwh a 7.995,76 Kwh/a (pari a 58 Kwh/m2a)

Costo complessivo dell’intervento
Detrazione fiscale 55%
Importo dell’intervento

35.100,00 €
19.305,00 €
15.795,00 €

Considerando il costo di 0,66 €/m3 di gas, ottengo un risparmio di 37.218,90 KWh/a pari a 3.881,01 m3 di gas all’anno, ovvero 2.561,46 € all’anno risparmiati in bolletta!

L’intervento si ripaga in 7 anni!

[Fonte esperienza diretta personale per intervento eseguito con il Geom. Effretti, confermata dal cliente]

Risanare energeticamente il tuo immobile, la miglior forma d’investimento per il tuo futuro.

Lascia un Commento